FeedRSS
Forum
CAPSULE
recensioni
Coperdina di STEREO WORXXX - CAPSULE
STEREO WORXXX
Album pubblicato il 07 Marzo 2012

Tredicesimo album per il duo elettronico più famoso del Giappone, rinvigorisce il loro sound inserendovi nuovi elementi, che pescano parimenti dalla house minimale, dalla tech-house e dalla nu-disco. Senza essere stato preceduto da alcun singolo, il disco si è comunque piazzato bene in classifica, raggiungendo la quinta posizione e vendendo complessivamente più di 20000 copie.
891 click, un solo voto degli utenti
di zefis90
Pubblicata il 08 Maggio 2012
Riproposta ed aggiornata il 02 Giugno 2012
CAPSULE - STEREO WORXXX
CAPSULE - STEREO WORXXX
Finalmente, i Capsule sono tornati! No, non sono tornati ad incidere dischi, vista la regolarità con cui immettono le loro produzioni nel mercato e il costante supporto da parte del pubblico giapponese. Più che altro, sembra che Yasutaka Nakata, abbandonati molti degli innumerevoli progetti collaterali che gli stavano letteralmente prosciugando l'ispirazione e la creatività (al momento, le uniche attività parallele a cui si dedica sono quelle di produttore delle sempre più imbolsite Perfume e della prezzemolina Kyary Pamyu Pamyu), sembra aver ritrovato le fila di un percorso che oramai pareva destinato a continue ed insoddisfacenti prove. “STEREO WORXXX”, al contrario, rilancia potentemente il duo e lo ripresenta sotto una nuova foggia: non più solo electropop e dintorni, Yasutaka sceglie di alzare enormemente la posta in gioco e di lasciare ad altre influenze il compito di arricchire il suo suono. Scampoli di musica techno, electrohouse, finanche contaminazioni baleariche e etniche permeano le fitte trame sonore dell'album, album che si spera possa essere solo un preludio ad una seconda rinascita dei due. 

L'electropop schizoide e groovy di “Feelin' alright”, perfettamente calato nello stile classico dei Capsule, è una buonissima introduzione all'ascolto dell'album, riuscendo a mostrare il loro lato più consueto senza apparire stucchevole o fuori luogo. Nonostante la troppa manipolazione vocale di Toshiko, a volte non proprio in sintonia con la musica, il brano scivola via che è un piacere, pur nei continui cambi di ritmo e di fisionomia (interessante il lavoro in fase di sintetizzatori e tastiere). Una partenza interessante a cui segue uno dei pezzi più interessanti del disco, e uno di quelli che con la dovuta attenzione, potrebbe diventare tra i classici del duo. Cesellata al millimetro, perfettamente calibrata in ogni suo elemento, “Never let me go” è pura contagiosità house, un brulicante elogio della musica da ballo come da tempo non se ne ascoltava in Giappone. Dismessa ogni pretesa cerebrale, la canzone viaggia spedita sopra un beat sensuale e fascinoso, che sopperisce alla mancanza di una melodia grazie alla sua straripante energia e il groove narcotico. Micidiale. Altra traccia riuscitissima è la successiva “In the rain”, che punta invece su scenari meno robotici e più caldi. Frutto dell'utilizzo di percussioni etniche, che lanciano un ponte verso l'estate che deve arrivare, e di una progressione ben formulata, che tradisce l'oramai navigata esperienza di Yasutaka come creatore di beats. Forse pecca leggermente nell'insistere su un minimalismo spinto, ma tutto sommato si può chiudere tranquillamente un occhio, anzi, tutti e due, e lasciarsi trasportare dalla cadenza vibrante della musica. “Dee J” fa del martellare la sua missione di vita: pulsante, anzi, sfibrante nel suo procedere, è sicuramente un altro brano interessante (con non indifferenti spunti di house balearica a permeare l'arrangiamento), ecco che però la ruvidità del suono, l'imponenza della cassa, rendono l'ascolto davvero ostico alla lunga, il che penalizza non poco il risultato. Un'occasione sì colta, ma un po' di delicatezza in più nella produzione non avrebbe guastato. La nu-disco di derivazione nordica sposa i Daft Punk in “Step on the floor”, e trasporta il tutto in una dimensione di gommoso electropop, in un coacervo di idee ed intuizioni. Efficacissimo è tra l'altro il “ritornello” in chiosa alla lunga introduzione musicale, una bella esplosione di voce e beats in un diramarsi del suono in mille direzioni. A rimediare al non convincente assetto di “Dee J” ci pensa l'intrigante “Tapping beats”, che propone una EBM pestata e frullata, macerata e infine riproposta in una chiave claustrofobica, opprimente, eppure sempre sul pezzo, mai caotica o fine a se stessa. Batte ostinato il ritmo, segue a ruota la voce monocromatica, eppure adeguatissima, di Toshiko, sembra di essere circondati da imponenti macchine che pompano e lavorano, tanto che sembrano sul punto di esplodere da un momento all'altro. Davvero formidabile. In compenso, il pattern percussivo arriva a presentarsi nuovamente nella pimpante “All the way”, nella quale le fattezze nu-disco tornano preponderanti a plasmare la materia sonora, seppur virate in un contesto ben più vicino alle tendenze electropop attuali. Niente di trascendentale, ma si lascia apprezzare, il che, per quello che in altri contesti sarebbe stato un riempitivo, non è niente male. Bella, se non bellissima, è “Motor force”, che paradossalmente, almeno dal punto di vista dell'inventiva in fase di arrangiamento e produzione, è la meno appariscente. Eppure, l'ossessività minimal della musica e il palpitante tappeto technoide, finiscono per entrare in testa e farne dimora fissa, mettendo a ferro e fuoco le sinapsi. Pura potenza dell'elettronica, niente di più niente di meno. A chiudere arriva quello che invece è il brano meno convincente tra tutti, forse perché il più vicino a certe soluzioni sperimentate coi suoi “side-projects”che altro. “Transparent” è puro ritorno al j-pop più elettrico, quello che fatto la fortuna di MEG per intendersi, lasciato interpretare ad una Toshiko stavolta un po' più sbiadita rispetto al solito, incredibilmente macchinosa in un contesto invece più arioso del normale. Niente di intrigante in fin dei conti, è tutto sommato confortante riscontrare che in un album recente dei Capsule riesca ad esserci un solo pezzo debole, rincuora molto su cosa potrebbe seguire ad una prova simile. 

In questo 2012 giapponese che finalmente ha cominciato a spiccare il volo dal punto di vista musicale, il ritorno ad ottimi livelli del biondissimo produttore e dell'altro bionda vocalist (splendidamente ripresa nell'elegantissima copertina) lascia sperare buone cose per il futuro dell'elettronica giapponese da qui a venire. Insieme all'ottimo lavoro di Goth-Trad, questo “STEREO WORXXX” è certamente tra le migliori cose dell'anno, non soltanto in ambito elettronico. Un'inaspettata, quanto graditissima, sorpresa.

P.S. L'edizione limitata dell'album contiene un secondo CD che offre extended versions di una serie di pezzi inclusi nel primo disco, trascurabili e di scarso interesse.
Qualità complessiva delle tracce: 8
Musica: 8.5
Voce: 7
Copertina: 8.5
8
Media dei voti degli utenti: 7
Clicca qui per i voti dettagliati
Opinioni sul disco ''STEREO WORXXX''
#01
mari
Voto: 7
mail
Sebbene non riesca ad eguagliare WORLD OF FANTASY, STEREO WORXXX è un buon album, segno che ultimamente i capsule sono sulla via giusta, conferma il fatto che il duo è senza dubbio il progetto più compiuto di yasutaka nakata e quello in cui mette più impegno e personalità. Nell'album si sentono le influenze dei due dischi usciti prima, cioè PLAYER e WORLD OF FANTASY ed è un punto vincente l'immediatezza che sta dentro alle basi, quasi sempre martellanti. Le prime due tracce sono interessanti ma un pò confusionarie, difficili da mettere a fuoco, mentre emergono beats simili a flash quasi come se fossero delle macchie di colore che vanno e vengono. In The Rain è secondo me una delle canzoni migliori dell'ultimo periodo dei capsule, è una canzone scandita, elegante, liquida e melanconica addolcita dalle parti cantante di Toshiko, l'unico pezzo sentimentale in mezzo a molti altri più impenetrabili e inflessibili. Infatti Dee J è molto diversa e preannuncia l'atmosfera più cupa e martellante che segue verso la fine dell'album anche se in una certa misura, più vivace. Step on the floor sembra spuntato fuori da PLAYER (un piccolo paragone con Stay with you e Love or Lies di quell'album, anche loro tracce promozionali, mi viene), inizialmente non mi aveva convinto molto in quanto traccia promozionale poco innovativa e piatta, ma è comunque una traccia allegra e serve a spezzare l'atmosfera nell'album in quanto non ha nulla a che fare con le canzoni prima. Le tre tracce che seguono Step on the floor sono quelle martellanti di cui parlavo prima e si succedono in una sorta di scaletta discendente (per carità, sono i miei gusti personali): Tapping beats è un pezzo fantastico, All the way non scehrza ma non supera Tapping Beats e Motor Force tende a sparire soppraffatta dalle due precedenti. Transparent è il pacifico e orecchiabile finale che non ti aspetti, un pezzo carino nell'atmosfera generale, anche se il ritornello poteva essere sviluppato meglio. Recensione impeccabile, il mio amore non si smentisce mai!
2012-05-09 21:20:29
 
Aggiungi Un'Opinione
Artisti Correlati
Yasutaka Nakata
Produttore
Vai alla Scheda
24⁄08⁄2016
Ultima News
Nuova colonna sonora ad ottobre
Artisti Simili
Vai alla Scheda
Ultima News
Nessuna News Presente
MEG
Pop
Vai alla Scheda
23⁄02⁄2017
Ultima News
E' nato la prima figlia
Vai alla Scheda
06⁄12⁄2011
Ultima News
Tutto sul nuovo best
Vai alla Scheda
Ultima News
Nessuna News Presente
Vai alla Scheda
06⁄08⁄2012
Ultima News
Ecco il repackage
Vai alla Scheda
14⁄04⁄2015
Ultima News
Informazioni sul nuovo best
Vai alla Scheda
Ultima News
Nessuna News Presente
FEMM
Pop
Vai alla Scheda
24⁄12⁄2015
Ultima News
Tanti remix nel primo mini-album
Cornelius
Pop
Vai alla Scheda
07⁄08⁄2017
Ultima News
Nuovo singolo in arrivo
Vai alla Scheda
25⁄02⁄2017
Ultima News
Rivelato il nuovo disco di inediti
Vai alla Scheda
18⁄07⁄2017
Ultima News
Tutti i dettagli dei nuovi album
√thumm
Pop
Vai alla Scheda
Ultima News
Nessuna News Presente
Vai alla Scheda
13⁄11⁄2016
Ultima News
12 tracce in ''here and there''
Vai alla Scheda
15⁄02⁄2017
Ultima News
''not not me'' è il nuovo album
CTS
Pop
Vai alla Scheda
13⁄03⁄2015
Ultima News
Collaborazione con Hatsune Miku
Vai alla Scheda
17⁄09⁄2014
Ultima News
Tutto sul nuovo album!
Vai alla Scheda
Ultima News
Nessuna News Presente
Vai alla Scheda
23⁄07⁄2017
Ultima News
Svelato il nuovo live
80KIDZ
Pop
Vai alla Scheda
Ultima News
Nessuna News Presente
Vai alla Scheda
09⁄08⁄2017
Ultima News
Nuovo album pronto
tofubeats
Pop
Vai alla Scheda
Ultima News
Nessuna News Presente
Home | News | Articoli | Recensioni | Uscite Del Mese | Classifiche | Cerca | Links | Redazione
Lista Artisti | Cerca | Statistiche | Random | J-MusicStore
Forum | Chat | Newsletter | GuestBook | RSS | Collabora
©2018 TOKYONOISE - Tutti i diritti riservati. Le immagini presenti in questo sito sono utilizzate solo per fini d'intrattenimento
e restano di proprietà dei rispettivi detentori dei diritti. Sito ottimizzato per Mozilla Firefox.




La pagina è stata generata in 1.54 secondi.