tokyonoise.it

Dal 2019 TokyoNoise.net si rinnova!
Rinasce a nuova vita il portale italiano sulla musica giapponese, online dal 2006.

La vecchia versione rimarrà online come database storico, ma vieni a trovarci su tokyonoise.it e seguici sui nostri account ufficiali di Facebook, Twitter e Instagram per non perderti tutte le news e gli articoli più importanti di ogni settimana.

Visita la nuova versionetokyonoise.it oppure Continua a navigare il database storico
FeedRSS
Forum
DIR EN GREY
recensioni
Coperdina di Hageshi sato, kono mune no naka de karamitsui ta shakunetsu no yami - DIR EN GREY
Hageshi sato, kono mune no naka de karamitsui ta shakunetsu no yami
Singolo pubblicato il 02 Dicembre 2009

Ventiseiesimo singolo per i Dir en grey, ritorna alle sperimentazioni black e nu-metal sfruttate in “Withering to death” e “The marrow of a bone”, accostandovi una ricerca vocale che Kyo aveva da sfruttare pienamente dai tempi di “Macabre”. Il singolo ha raggiunto la seconda posizione in classifica nel primo giorno di uscita, vendendo complessivamente più di 20000 copie nella prima settimana. La promozione è stata scarsa, ma il sostegno dei fan non è mancato, come si vede dalle vendite ottenute.
1118 click, 3 voti degli utenti
di zefis90
Pubblicata il 06 Dicembre 2009

Conclusasi una fecondissima stagione di concerti, che li ha visti fare il giro del mondo, approdando anche in Italia lo scorso Giugno, i Dir en grey tornano in studio più attivi e in carica che mai, sfornando un singolo, che vuole in un certo qual modo sancire una nuova direzione, un nuovo percorso creativo da intraprendere e da affrontare con la giusta grinta e coraggio che da sempre contraddistingue tutte le produzioni di Kyo e compari. Affine alle volute nu-metal di cui abbondano gli album “Withering to death.” e “The marrow of a bone”, il disco si allontana decisamente dallo stile profondo ed evocativo caratteristico di “UROBOROS”, riesumando invece l'angoscia esistenziale e l'oscurità che ha segnato l'itinerario artistico dei Diru, infarcendole di una sperimentazione vocale superba e impeccabile, come si aveva da sentire dagli esordi della carriera. Sembra veramente che in questo freddo Dicembre, tutti si siano messi d'accordo per realizzare delle produzioni ineccepibili, il che non fa che avvalorare la mia tesi che i Giapponesi, qualora si mettano seriamente d'impegno sono capaci di risultati enormi, anche quando meno te l'aspetti, e i Diru di certo non sfuggono al canone, anzi, pubblicano un singolo impeccabile e degno del loro nome, l'ennesima conferma per una della band più talentuose e carismatiche del panorama asiatico.

Come di consuetudine, la a-side, dal titolo lunghissimo, “Hageshi sato, kono mune no naka de karamitsui ta shakunetsu no yami” apre il disco, e senza troppi complimenti ci scaraventa in un groviglio inestricabile di clangori sonori e di cacofonie compiute a regola d'arte. Se il risultato però sembrerebbe apparire qualcosa di improponibile, di decisamente troppo d'avanguardia, ecco che invece l'effetto non poteva che essere più sorprendente e spiazzante. La batteria di Shinya, potentissima, che pare quasi soffocare il basso e le chitarre, pur sempre presenti e lanciati, compone invece una ricercata melodia intessuta sulla voce di Kyo, che tocca vertici di perfezione, vertici che si avevano da sentire dai tempi di “Macabre”, ancora oggi il loro disco maggiormente riuscito e calibrato. Quello che riesce a stupire di questi vocalizzi non è solo l'incredibile maestria che permette al cantante di passare con velocità sorprendente dai notissimi singhiozzi a gridi dolenti e lancinanti, quanto la sua capacità di immedesimarsi a pieno nell'atmosfera del pezzo e raccontarne in tal modo il testo come se fosse il protagonista della trama, come se rivivesse in prima persona la storia raccontata dal brano. Kyo “gioca” con i sentimenti umani, passando dalla lucidità di un folle alla dolorosa angoscia dei più disperati, in tal modo prestando la sua voce a chi purtroppo risulta essere un emarginato, che spesso e volentieri non riesce ad esprimere i suoi pensieri o ad esternarli in maniera compiuta. Un inno all'oscurità che accompagna la nostra psiche, se non è già un classico, per me poco ci manca. Ma ciò che stupisce di più in questo singolo non è la a-side, di per sé un capolavoro del nu-metal, bensì il primo lato b, una suggestiva e turbolenta versione di un pezzo che a tutti gli effetti può essere considerato uno dei loro esperimenti più riusciti, ovverosia “-ZAN-”. Preparatevi ad immergervi nella tenebra pura: della versione originale non resta che la musica, che si fa comunque tetra, spettrale, dalle tinte foschissime, distorta quasi come se si trattasse di un rituale demoniaco. A coadiuvare il tutto, Kyo, onnipresente ma al contempo sfuggevole, capace di mettere in atto un teatro vocale di sicura presa e di sicuro effetto. Abbandonate le fervide esplosioni vocali del 1999, il cantante prorompe in un growl sommesso, penetrante, affine a quello del cantante degli Slipknot (anche se sicuramente la differenza tra i due stili si nota), che getta l'ascoltatore nello sconforto e nell'oscurità più totale. Il testo quasi non si comprende, la musica diventa mera suggestione, la batteria richiama a tratti percussioni tribali, il tutto diventa preda dell'evocazione pura, del trionfo della disperazione e dell'ottenebramento mentale.
Conclude questo capolavoro la riproposizione di un loro pezzo contenuto nel quarto album “Vulgar”, “Shokubeni (shot in one take)”, anch'essa una riedizione riuscita e decisamente migliore dell'originale. La musica si carica anche in questo caso di connotati oscuri e lugubri, diventa più enfatica e evocativa, collaborando alla perfezione con la voce di Kyo, che a differenza del brano originale, diventa più acrobatica, più sperimentale, si trasforma e si plasma ad ogni secondo, dando anche prova di arrivare a perle di lirismo uniche. Le chitarre sembrano quasi divertirsi con questi continui cambiamenti vocalici, ora graffianti, ora isteriche, talvolta sommesse e languide, il tutto cesellato dalla batteria, con la quale Shinya dà prova di destrezza e abilità uniche, tale è l'impegno e la profondità che lo strumento riesce ad acquisire sotto la sua direzione.

Cosa dire? I Diru non smettono mai di stupire, la loro comprovata maturità musicale, accompagnata dalla complessità e dalla raffinatezza dei testi e dalla ricerca sonora, ne fanno indubbiamente la band di spicco sul piano del metal nipponico. La pulizia e la cura di cui corredano ogni loro produzione ha dell'inaudito, motivo per cui sono contento di dichiarare che questo, per me, è stato il singolo dell'anno. Attendo con impazienza nuove emozioni!

P.S.Un'edizione limitatissima del singolo offre anche un DVD, che mostra la registrazione di “Shokubeni” durante uno dei loro vari concerti tenutisi in Giappone, ma la scarsa reperibilità del video mi costringe ad evitare di parlarne, pertanto, qualora si prospetti la possibilità di attingere anche al materiale visivo, la recensione verrà integrata anche di questa parte.

Qualità complessiva delle tracce: 9.5
Musica: 10
Voce: 10
Copertina: 10
9.88
Media dei voti degli utenti: 7.67
Clicca qui per i voti dettagliati
Opinioni sul disco ''Hageshi sato, kono mune no naka de karamitsui ta shakunetsu no yami''
#01
nyayu
Voto: 6.5
http
mail
Seguo i Dir en grey da un bel po' di anni (cinque per la verità). Sono stati una fra le pietre miliari del visual e come è giusto che sia hanno anche evoluto il loro stile avvicinandosi lentamente al modello di rock simil-americano. Secondo il mio parere però non ha giovato del tutto a questa band promettente ma soprattutto alle capacità canore di Kyo. Sono divenuti come una pallida imitazione di gruppi come i Korn e altri del genere. Della serie 'voglio esser uguale a loro ma non del tutto' perdendo in qualche modo una loro identità. Hageshi sato, kono mune no naka de karamitsui ta shakunetsu no yami riassume un po' il mio pensiero. C'è da dire che questo singolo è avanti anni luce dal disastro di THE MARROW OF A BONE ed è a sua volta un passo avanti rispetto ad UROBOROS però questa virata al growl ha rovinato un singolo che poteva essere EPICO. La voce straordinaria di Kyo rovinata da urletti isterici e cose senza alcun senso che distrugge in modo imbarazzante l'aria cupa di una canzone che poteva essere come un buonissimo seguito di VULGAR o Kisou. Sulle altre non commento, non male come nuove edizioni ma preferisco di gran lunga le originali.
Come singolo mi ha deluso parecchio e come fan dei Diru spero sempre che tornino a mostrare le loro vere capacità.
2009-12-07 18:49:11
 
#02
mari
Voto: 7.5
mail
Secondo me il singolo è un ottimo seguito di 'UROBOROS'...'Hageshi sato, kono mune no naka de karamitsui ta shakunetsu no yami' è una bella traccia potente in cui effettivamente Kyo dimostra la sua bravura (anche se non sono d'accordo nella comparazione della tecnica utilizzata dal cantante in 'Macabre' con quella di questo nuovo singolo, sono troppo diverse) l'unico mio dispiacere è la poca innovazione del pezzo; la caotica nuova versione di 'Zan' mi ha stupito...prima dell'uscita del singolo non sarei mai riuscita ad immaginare come la band sarebbe riuscita a rendere più aggressivo un pezzo che è tra i più mostruosi della loro carriera eppure ci sono pienamente riusciti^^ e 'Shokubeni (shot in one take)' (che per me potrebbe andare benissimo in competizione con l'originale XD) conclude bene il singolo...nel complesso un bel lavoro, si ascolta volentieri anche se non brilla d'originalità rispetto a molti altri loro singoli precedenti...aspetto con ansia il prossimo! XD

Un' ultima cosa...questa recensione è una delle migliori che io abbia mai letto *______*
2010-01-18 13:48:12
 
#03
Anna
Voto: 9
http
mail
complimenti per come scrivi zefis!! non saprei che altro aggiungere a quello che hai detto ^^ a me piace molto sia il loro periodo più melodico, che di quello più metal *W* poi mi pare di capire che sei un fan di kyo anche tu! xD trovo fantastica la sua voce, e penso che il cantante dei korn non riuscirà mai a raggiungere le "prodezze" canore di kyo, nè tanto meno a trasmettere le emozioni come ci riesce lui(un esempio è zakuro), e poi io non penso che siano diventati una imitazione degli americani, sono sempre riusciti a mantenere delle sonorità caratteristiche inimitabili, in hageshisa le chitarre elettriche sembrano quasi urlare disperate assieme a kyo *W* penso che abbiano anche voluto sperimentare, perchè senza hageshisa, secondo me, non sarebbe mai uscita LOTUS, che sembra una specie di raccordo tra le note più hard e quelle più melodiche del loro periodo visual, cosî come non sarebbe uscito nemmeno quel capolavoro che è "vinushka" senza "the marrow of a bone" :D si stanno evolvendo pian piano, e riusciranno sicuramente a tirare fuori un sound unico che comprenda oriente e occidente n_n)b
2011-02-05 03:30:39
 
Aggiungi Un'Opinione
Artisti Correlati
La:Sadie’s
Attuale Gruppo di Kyo, KAORU, Die e Shinya
Vai alla Scheda
Ultima News
Nessuna News Presente
Artisti Simili
the GazettE
Visual
Vai alla Scheda
25⁄02⁄2017
Ultima News
Tutti i dettagli per 'TRACES VOL.2'
SCREW
Visual
Vai alla Scheda
05⁄05⁄2016
Ultima News
Scioglimento a fine anno
exist†trace
Visual
Vai alla Scheda
27⁄10⁄2016
Ultima News
Nuovo mini-album a novembre
Karasu
Visual
Vai alla Scheda
19⁄10⁄2010
Ultima News
Tracklist e covers di 'free'
D’ERLANGER
Visual
Vai alla Scheda
10⁄07⁄2017
Ultima News
Album tributo in arrivo
Boris
Rock
Vai alla Scheda
09⁄07⁄2017
Ultima News
Dieci tracce in 'Dear'
Vai alla Scheda
20⁄09⁄2015
Ultima News
Nuovo DVD a novembre
Home | News | Articoli | Recensioni | Uscite Del Mese | Classifiche | Cerca | Links | Redazione
Lista Artisti | Cerca | Statistiche | Random | J-MusicStore
Forum | Chat | Newsletter | GuestBook | RSS | Collabora
©2019 TOKYONOISE - Tutti i diritti riservati. Le immagini presenti in questo sito sono utilizzate solo per fini d'intrattenimento
e restano di proprietà dei rispettivi detentori dei diritti. Sito ottimizzato per Mozilla Firefox.




La pagina è stata generata in 0.29 secondi.