tokyonoise.it

Dal 2019 TokyoNoise.net si rinnova!
Rinasce a nuova vita il portale italiano sulla musica giapponese, online dal 2006.

La vecchia versione rimarrà online come database storico, ma vieni a trovarci su tokyonoise.it e seguici sui nostri account ufficiali di Facebook, Twitter e Instagram per non perderti tutte le news e gli articoli più importanti di ogni settimana.

Visita la nuova versionetokyonoise.it oppure Continua a navigare il database storico
FeedRSS
Forum
Jin Akanishi
recensioni
Coperdina di JAPONICANA - Jin Akanishi
JAPONICANA
Album pubblicato il 07 Marzo 2012

Primo disco per Jin Akanishi. E' stato venduto sia in Giappone che in America e, in madrepatria, e' riuscito ad arrivare alla prima posizione per i primi due giorni e a vendere nella prima settimana 69,887 copie. L'album è interamente interpretato in lingua inglese.
755 click, un solo voto degli utenti
di Bobby Drake
Pubblicata il 27 Marzo 2012
Riproposta ed aggiornata il 01 Aprile 2012
Jin Akanishi - JAPONICANA
Jin Akanishi - JAPONICANA
Jin Akanishi - JAPONICANA
A distanza di tre mesi dalla pubblicazione del suo primo mini-album, nel Marzo del 2012 Jin Akanishi ritornò sul mercato con il suo primo disco “JAPONICANA”. Già dal titolo si poté capire che questo disco, più che per il Giappone, era stato fatto per il pubblico americano dato che, la Warner, aveva in progetto di lanciare la carriera del ragazzo anche oltre oceano e, questo primo album, venne proprio fatto per questo motivo. Totalmente differente dai singoli pubblicati in Giappone, questo disco segue fedelmente la mossa fatta anche da BoA con il suo omonimo disco americano, ovvero si propone con poche tracce tutte basate sulla dance e su ritmi veloci e scattanti… commerciali insomma. Dopo il deludente mini-album, da questo disco bisognava esserne spaventati ma, sorprendentemente, il ragazzo è riuscito a proporci un album niente male che certo, non c’entra nulla con la sua carriera in Giappone, ma diciamo proprio che funziona poiché le canzoni qui inseriti sono sì piuttosto simili, ma anche molto diverse tra loro e propongono Jin sotto varie luci.

Il disco si apre con il ritmo dance di “SUN BURNS DOWN” un’energica traccia pop che prende tutto il meglio della precedente “TEST DRIVE” riuscendo, questa volta, a creare un ritmo azzeccato, una melodia armoniosa e un ritornello trapanante ma non fastidioso. Secondo pezzo di questo primo disco è “California Rock” assieme a Prophet che continua questo viaggio nella dance e nel mondo del pop americano commerciale. Anche questa volta ci troviamo davanti ad un brano con un ottimo ritornello, una pesante base creata con l’utilizzo dei beat più adatti alla discoteca che riescono a donare un ritmo accattivante e adatto decisamente ad una serata in un qualche club della “West Coast”. Seconda collaborazione del disco, “That's What She Said”, è con Uffie una delle nuove leve dell’electropop americano. Il duetto voce maschile e femminile funziona ed essendoci la cantante in questo pezzo, la base musicale non poteva che essere pesantemente dance e parecchio influenzata dall’electropop. Veloce, scattante e graffiante, la canzone riesce decisamente a catturare l’attenzione su di sé proprio grazie all’utilizzo di suoni pesante nell’accompagnamento musicale. Prima traccia melodica dell’album è “Like You” che lascia un po’ da parte tutto quello proposto fino ad adesso per presentare il nostro ragazzo sotto una luce R&B dolce e più lenta. Naturalmente non stiamo parlando di una ballata, ma questo brano rallentato, mostra il lato più sentimentale e romantico del ragazzo e la traccia rappresenta in pieno le ballatine R&B in stile americano che tanto piacciono al pubblico e che tanto riescono bene alle voci maschili. “Set Love Free” continua su questo stesso percorso di melodie più dolci e meno pesanti e, nel complesso, riesce piuttosto bene se non fosse che, presentata così vicina alla precedente, si confonde un pochino con quest’ultima perdendo un po’ del suo fascino adolescenziale. “Aphrodisiac”, assieme al DJ di L.A. Static Revenger, è semplicemente la traccia più intrigante e meglio riuscita all’interno di questo disco. Essendo in collaborazione con un DJ americano di musica house, il pezzo prende totalmente questa via e si impone con la sua pesantissima base dance e i suoi beat energici, coloriti e taglienti come delle lame da rasoio. Molto in stile “David Guetta”, la traccia non può che catturarvi subito proprio grazie a questa sua esplosione di energia e alla magia della sua base musicale così tamarra e in pieno stile “Jersey Shore”. Un perfetto esperimento di come anche i cantante nipponici riescano a tenere il passo con lo stile musicale americano. Proseguendo incontriamo “Oowah” che si pone a metà strada tra le tracce più dance e quelle più melodiche e sentimentali riuscendo però male in entrambi in campi. Troppo ripetitiva, uguale e piuttosto piatta, la canzone non cattura l’attenzione su di sé a causa anche di una base musicale creata con l’utilizzo di un solo beat ripetuto all’infinito. Davvero seccante e stancante. Di “TEST DRIVE” ne ho già parlato nella mia recensione al mini-album quindi passerò ad analizzare “Tell Me Where” che è semplicemente esplosiva. Questa volta oltre alla dance, andiamo incontro ad uno stile urban fatto di clapping vari che riescono ad adattarsi perfettamente alla voce del ragazzo e alla base musicale ricreata elettronicamente. Intrigante e piuttosto energica, la canzone fa venire subito voglia di ballare e non ci si riesce proprio a togliere dalla testa il suo ritornello così melodico e travolgente. Con “Yellow Gold” ritorniamo invece alle tracce più dance di inizio disco ma, questa volta, il nostro Jin ci propone un ritmo decisamente rallentato senza però aggiungere l’elemento sentimentale che rende il tutto più delicato. Graffiante ma comunque a tratti melanconica, questa traccia riesce davvero facile da ascoltare e anche piacevole anche se, giudicando obiettivamente, non propone davvero nulla di nuovo rispetto a quanto ascoltato fino ad adesso. “Magnitude” delude decisamente. Volendo strafare, ci viene proposta una traccia che vuole essere electropop ma che, alla fine dei conti, non ci riesce proprio. Confusa, caotica, fastidiosa e con una base musicale troppo rumorosa, la canzone si fa ascoltare una volta ma non ci si riesce proprio a rimetterla su per un secondo ascolto. A concludere il disco troviamo “Body Talk”, una dolce e sentimentale canzone pop a cui viene affiancato un po’ di R&B. Lento e pesante, il brano non spicca per originalità né riesce ad intrattenere a causa di un ritmo troppo rallentato e noioso.

Sicuramente questo non sarà il disco dell’anno né in Giappone né negli USA, ma come primo impatto sul pubblico americano e nipponico non è niente male. Energia, vitalità e voglia di ballare ci sono, mancano forse ritmi più diversi tra loro e decisamente meno commerciali, ma comunque, nel complesso il disco funziona e si fa ascoltare con piacere e leggerezza. Speriamo che il cantante torni in presto con un disco totalmente “Made in USA” e con uno totalmente fatto per il pubblico nipponico dato che è sempre meglio separare le due carriere.


Qualità complessiva delle tracce: 8
Musica: 8
Voce: 7.5
Copertina: 7.5
Copertina Limited Edition/First Press: 8.5
Contenuti DVD: 8
Cover DVD: 8.5
8
Media dei voti degli utenti: 8
Clicca qui per i voti dettagliati
Opinioni sul disco ''JAPONICANA''
#01
Yuichi
Voto: 8
mail
Pensavo di aver dato la mia opinione sul Japonicana, ma mi sbagliavo D:
Bhe, per me è stato un bell'album... ma cmq la solita americanata (alla BoA)... in ogni caso, alcune canzoni mi piacciono davvero un sacco! Ovvero That's What She Said, Sun Burns Down e Aphrodisiac! mentre per le Bonus Track non mi pronuncio dato che non le ho ascoltate xkè non le trovo v.v
2012-03-30 08:27:57
 
Aggiungi Un'Opinione
Artisti Correlati
KAT-TUN
Ex Gruppo Musicale
Vai alla Scheda
27⁄07⁄2016
Ultima News
Due edizioni per il nuovo live
LANDS
Ex Gruppo Musicale
Vai alla Scheda
Ultima News
Nessuna News Presente
Meisa Kuroki
Carriera della moglie
Vai alla Scheda
28⁄11⁄2016
Ultima News
Secondo figlio
Artisti Simili
Yusuke
Pop
Vai alla Scheda
01⁄04⁄2017
Ultima News
Quindici pezzi nel nuovo album
Vai alla Scheda
10⁄01⁄2016
Ultima News
Primo best album in arrivo
Tegomass
Pop
Vai alla Scheda
29⁄04⁄2015
Ultima News
Tracce del nuovo DVD
JYJ
Pop
Vai alla Scheda
25⁄12⁄2014
Ultima News
1° singolo giapponese: ''WAKE ME TONIGHT''
NEWS
Pop
Vai alla Scheda
05⁄03⁄2017
Ultima News
Tracce e cover per 'NEVERLAND'
Vai alla Scheda
04⁄10⁄2016
Ultima News
Remix album: ''Two of Us''
KEITA
Pop
Vai alla Scheda
08⁄12⁄2015
Ultima News
''FRAGMENTS'' è il nuovo mini-album
JUNSU
Pop
Vai alla Scheda
30⁄05⁄2016
Ultima News
Tracce del nuovo disco
JUNO
Pop
Vai alla Scheda
02⁄06⁄2013
Ultima News
'Ring' sarà il nuovo singolo
Vai alla Scheda
06⁄04⁄2017
Ultima News
Sei tracce per 'unlock'
YUCHUN
Pop
Vai alla Scheda
Ultima News
Nessuna News Presente
JEJUNG
Pop
Vai alla Scheda
06⁄08⁄2017
Ultima News
Nuovo DVD a settembre
Vai alla Scheda
07⁄07⁄2017
Ultima News
'THE LOVE' e i suoi dettagli
Vai alla Scheda
16⁄12⁄2016
Ultima News
Un live a febbraio
V.I
Pop
Vai alla Scheda
04⁄09⁄2013
Ultima News
Ecco a voi 'LET'S TALK ABOUT LOVE'
SOL
Pop
Vai alla Scheda
28⁄07⁄2014
Ultima News
''RISE [+ SOLAR & HOT]'' in Giappone
Henry
Pop
Vai alla Scheda
Ultima News
Nessuna News Presente
Home | News | Articoli | Recensioni | Uscite Del Mese | Classifiche | Cerca | Links | Redazione
Lista Artisti | Cerca | Statistiche | Random | J-MusicStore
Forum | Chat | Newsletter | GuestBook | RSS | Collabora
©2019 TOKYONOISE - Tutti i diritti riservati. Le immagini presenti in questo sito sono utilizzate solo per fini d'intrattenimento
e restano di proprietà dei rispettivi detentori dei diritti. Sito ottimizzato per Mozilla Firefox.




La pagina è stata generata in 0.41 secondi.