FeedRSS
Forum
Kalafina
recensioni
Coperdina di Seventh Heaven - Kalafina
Seventh Heaven
Album pubblicato il 04 Marzo 2009

Yuki Kajiura si cimenta nel primo album delle Kalafina, comprendente tutte le theme songs dei film di "Kara no Kyoukai": I: "oblivious", II: "Kimi ga Hikari ni Kaete Yuku", III: "Kizuato", IV: "ARIA", V: "Sprinter", VI: "fairytale, VII: "seventh heaven".
1526 click, 7 voti degli utenti
di Christi
Pubblicata il 31 Marzo 2011
Kalafina - Seventh Heaven
Kalafina - Seventh Heaven
"Seventh Heaven" è la prima fatica di Yuki Kajiura per l'ormai stabilito trio Kalafina, che comprende Hikaru, Keiko e Wakana. Dopo quattro singoli e diverse tie-ins di anime, lo stile ricercato e polifonico del gruppo sembra essersi finalmente definito. Come in futuro il "Red Moon", questo album presenta una regolarità e una coerenza perfetta nella scelta dei brani, della musica, delle parole e delle voci. Le Kalafina non deludono, anzi: le tracce inedite e le b-side sono al livello delle a-side dei singoli, se non superiori. Insomma, un ottimo inizio per questo trio che si prospetta uno dei più interessanti negli anni futuri.

L'album si apre con l'intro "overture" di poco più un minuto e mezzo. L'arpa, e i rumori in sottofondo vengono raggiunti dalla voce da soprano di Wakana, che portano l'ascoltatore ad immergersi nello stile ramificato e preciso delle Kalafina.
Ottima introduzione quindi per la prima vera e propria traccia, che riprende i rumori in sottofondo e la bella voce di Wakana: "oblivious" è anche la traccia di debutto del gruppo, che non ha nascosto per niente le capacità vocali delle allora quattro vocalist (ricordiamo che Maya è presente fino al singolo "sprinter / ARIA"), ma anzi le ha svelate nella loro completezza. Leads della bella "oblivious", theme song del primo film dell'animazione "Kara no Kyoukai", sono Wakana e Keiko. Iniziamo di nuovo con la voce da soprano di Wakana (che nei live è sempre seguita da Hikaru) a cui è affidata gran parte della tracce: nelle strofe è lei la protagonista, che verrà in seguito affiancata da Keiko. Ottimo il gioco fra le voci, anche se i vari livello, basso, contralto, ed alto, non sono ancora così sviluppati come nelle canzoni successive, ma lo si può già notare nel ritornello. "oblivious" è sì la prima traccia presentata al pubblico ma Yuki Kajiura sembrava aver le idee già molto chiare, poiché stabilisce in modo chiaro lo stile che il gruppo affronterà.
Lasciamo un po' da parte lo stile ricercato e leggermente gotico per passare ad un pop ritmato e pieno di speranza con "love come down". I beats sono decisamente travolgenti e non lasciano sosta all'ascoltatore, che si sente trascinato nel ritmo. Keiko introduce bene le strofe, che vengono proseguite dalla voce alta di Hikaru. Nel ritornello è sempre Hikaru la lead vocalists, ma Keiko e Wakana si aggiungono come seconde voci: è un climax unico che porta all'imperativo "come over!" di fine ritornello. Keiko e Hikaru continuano ad alternarsi allo stesso modo e nella sua prima traccia (nell'album) come lead vocalist Hikaru se la cava alla grande: note lunghe, chiare, voce cristallina e angelica.
La quarta traccia è la magnifica "Natsu no Ringo" e qui il tocco della Kajiura è ancora più evidente. Flauti e ritmi folk sono in sottofondo, attorniati da un'atmosfera quasi medievale che richiama lo stile più ricercato delle Kalafina. Sebbene meno travolgente ritmicamente della bella "love come down", "Natsu no Ringo" ci immerge in uno stile spensierato che richiama decisamente l'estate ("natsu") e i sentimenti d'amore espressi. Main vocalists questa volta sono la perfetta Wakana e la dolce Hikaru che si alternano egregiamente. Sentiamo sempre Keiko in sottofondo che completa perfettamente il ritornello. Di nuovo, le parti finali dello stesso, caratterizzate da note lunghe e sentite, sono quelle più belle.
Entriamo nel mondo della speranza con "fairytale", tipica traccia misteriosa e ricercata firmata Yuki Kajiura. Nonostante sia di un buon livello, è meno particolare di tutte le tracce fin'ora incontrate forse proprio per la sua dolcezza, poiché travolge meno. Abbiamo un ottimo controllo della musica: violini, piano e percussioni.
Proseguiamo con "ARIA", doppia a-side assieme a "sprinter" uscita proprio poco prima di "fairytale". Al contrario della potente gemella, "ARIA" è più simile allo stile di "fairytale": musica in sottofondo decisamente ben curata, ma tutto molto soffice finché non arriviamo al ritornello. Questa volta la lead è Hikaru che affronta egregiamente il bel refrain, accompagnata da Wakana in sottofondo. Nella seconda strofa guadagniamo un po' di ritmo e segue un'interlude allegra e meno oscura del resto della canzone.
Ottenendo maggior ritmo, arriviamo finalmente alla magnifica "Mata Kaze ga Tsuyokunatta", canzone rock decisamente forte e travolgente, che potrebbe in qualche modo venir classificata come il preludo di "Yami no Uta" nel "Red Moon". Abbiamo questa volta un'atmosfera tragica di navi che affondano e il vento che soffia prorompente, accompagnato dalla voce ferma di Hikaru nei primi versi della canzone, raggiunto ancora dalle parole straniere intonate da Wakana. Keiko completa il tutto con la sua voce bassa e potente. Si segue quindi l'oscurità iniziata da "ARIA" e si sente maggiormente l'utilizzo della polifonia vocale.
Altra traccia tipica dello stile della compositrice è "Kizuato", in cui s'introduce Wakana senza preavviso, seguita poi dal coro e da strofe più calme in una chiave più bassa delle precedenti canzoni. Le parole sono anche meno speranzose e allegre. Buona traccia quindi ma non particolarissima. Il punto forte è sentire meglio la voce fantastica di Keiko.
Proseguiamo con uno dei gioielli dell'album, la strepitosa "serenato". Iniziamo con un intro particolare e "orientaleggiante" che annuncia una traccia decisamente "Kajiuresca". Piano piano, andiamo verso un climax accompagnati dalla voce piena di Wakana, che si realizza nel ritornello più ritmato e caratterizzato da note che raggiungono il piccolo proprio sulla o di "serenato". Il ciclo ricomincia e dopo la seconda strofa abbiamo un'interlude che riprende l'intro. Continuiamo a salire e scendere nel gioco di polifonie (dove sentiamo anche Yuriko Kaida, quasi sempre presente nei cori) per poi scioglierci a fine traccia nel tema principale.
È ormai passata la metà dell'album e anche la presenza di tracce spettacolari. Le canzoni rimanenti sono sempre buone ma forse meno speciali. Proseguiamo con "Ongaku" caratterizzata da un battito decisamente veloce e simile a quello di "love come down". Questa volta l'inizio è affidato a Keiko e Hikaru e la tonalità della traccia è decisamente più bassa. Il ritornello non è un vero e proprio picco ma è più una continuazione delle strofe.
Torniamo alle tracce lente e più malinconiche con "Ashita no Keshiki", con protagoniste Wakana, percussioni e chitarre. Viene aggiunto più ritmo solo dopo il primo ritornello e grazie all'intervento di Hikaru nella seconda strofa. Buona traccia che sembra un misto di "fairytale", "serenato" e "Lacrimosa".
"sprinter" è stata decisamente una buona scelta come singolo. Finalmente possiamo sentire meglio la voce di Maya e l'unione di quattro voci è una combo incredibile. Nonostante si inizi in maniera semplice grazie ad Hikaru, si prosegue su un crescendo che sembra non risolversi mai. Segue infatti Maya accompagnata da Wakana, per poi tornare ad Hikaru nel secondo ritornello, e non c'è quasi mai una voce da sola. Sotto questo aspetto, "sprinter" è una delle tracce più sofisticate di tutta la discografia delle Kalafina e accentua maggiormente la potenzialità di questo gruppo che può praticamente fare quello che vuole. È proprio nella seconda strofa che si sente questo gioco polifonico, dove le quattro voci si alternano in modo incalzante, preciso e mai confuso, per poi risolversi di nuovo nella sola voce di Hikaru.
Andiamo verso la conclusione con "Kimi ga hikari ni Kaete iku" dove possiamo chiaramente sentire la voce di Maya, Wakana e Keiko. È di nuovo una traccia piuttosto lenta e struggente, molto carina, ma che non è ai livelli di "Gloria" o "Lacrimosa".
Terminiamo con la dolce e lunga "seventh heaven", che, nonostante dia il titolo all'album, non è incredibile come le altre tracce, ma è una buona conclusione del disco per il suo stile dolce e lento. Il messaggio è di speranza e di felicità.

Il DVD contiene il video dell'ultima traccia e quattro lives. Nonostante le canzoni non siano le più spettacolari, si può comunque apprezzare la bravura delle ragazze. "oblivious" è un must da guardare, sia per l'atmosfera in cui ci si trova, che per la potenza e la facilità con cui sembrano esibirsi.




I fans delle See-Saw e delle FictionJunction non saranno delusi: le Kalafina sono uno dei gruppi giapponesi più interessanti emersi negli ultimi anni. Le cantanti sono tutte ad un livello canoro vicino alla perfezione e molto armonioso, nonostante i timbri e i ruoli diversi. Lo stile scelto da Yuki Kajiura è quindi perfetto per loro e possiamo solo scommettere in uscite sempre più spettacolari.
Qualità complessiva delle tracce: 9.5
Musica: 10
Voce: 10
Copertina: 9
Contenuti DVD: 9.5
Cover DVD: 9
9.5
Media dei voti degli utenti: 9.64
Clicca qui per i voti dettagliati
Opinioni sul disco ''Seventh Heaven''
#01
aLz
Voto: 8.5
non posso che trovarmi d'accordo con quanto è stato detto. Però non posso nascondere che sia nettamente inferiore al loro secondo album, Red Moon.
2011-03-31 23:59:06
 
#02
marty
Voto: 10
mail
Il mio primo album delle Kalafina (mio gruppo preferito) e anche il mio preferito! Lo preferisco lievemente (ma proprio di pochissimo) a Red Moon, anche se quest'ultimo ha più esperimenti e variazioni, perché l'atmosfera magica e misteriosa di Seventh Heaven mi è più congeniale, con queste tracce lente e misticheggianti, molto enyose! Ad esempio, per me, Fairytaile e la stessa Seventh Heaven sono tra i brani più riusciti del cd. Le mie predilette sono le divine Serenato e Aria (a mio parere, il meglio del meglio di questo album, che di meglio ne sa! XD). Se proprio dovessi, mi opporrei alla copertina: è bella e suggestiva, ma per un lavoro del genere forse avrebbe reso di più una cover stile quelle di oblivious o di Lacrimosa.
2011-04-01 16:06:43
 
#03
Deep_River
Voto: 10
Le Kalafina sono il mio gruppo preferito e amo entrambi i loro album. Ma forse preferisco un po' di più Seventh Heaven... cmq concordo con la recensione (anche se c'è qualche errore, esempio: non cantano in latino ma in "Kajiurago", che è una lingua nonsense inventata dalla compositrice Yuki Kajiura. E una delle canzoni è "Kimi ga Hikari ni Kaete Iku" e non "Kimi ga hikari ni taeteiku"). Per me il voto è 10!
2011-04-01 20:26:58
 
#04
Hiver Laurant
Voto: 10
mail
cmq giusto per essere precisi ma in Kimi Ga Hikari Ni Kaete Yuku non ci sta proprio Maya, cioè la voce di Maya appare solo in sprinter e ARIA, sentite bene nelle altre tracce la voce di Maya che è piuttosto ritmata e da ALTO non ci sta proprio. Tanto è vero che si può quasi parlare di featuring piuttosto che di 4 soliste. Le Kalafina sono state concepite sempre come 3 e solamente 3. Per me l'album è stupendo, soprattutto fairytale quando c'è la battaglia finale tra Yjme ni Mita eien wa e tozasareta mama de tra WAKANA e KEIKO è una punta di diamante.
2011-04-03 15:49:27
 
#05
Yuichi
Voto: 9
mail
Davvero magnifico come album, ma nettamente inferiore rispetto al Red Moon!!
2011-04-13 20:24:38
 
#06
Lorien
Voto: 10
mail
E' uno dei pochi album le cui canzoni mi sono piaciute, e intendo tutte quante, dalla prima all'ultima. Trovo che sia un album meraviglioso, ogni pezzo mi trasmette un sentimento differente, per non parlare delle musiche stupende e delle voci assolutamente fantastiche, perciò mi sento di poter dare un 10 pieno.
2011-10-30 20:25:08
 
#07
Freemaxwolf
Voto: 10
http
mail
La mia opinione dell’album si basa sull’edizione europea “Special European Edition 2012” che raccoglie in un box set i primi tre CD delle Kalafina (peccato la mancanza di video). Una sola parola per definire Seventh Heaven: stupendo! Già a partire da Overture si viene introdotti nel magico mondo delle tre “follette”, a volte indemoniate, Keiko, Hiraku e Wakana (basta vederle nei tanti video sul web). Una bella scoperta nel mare magnum della musica giapponese di cui ringrazio questo sito. Difficile trovare le canzoni preferite tra le tracce lente e quelle più ritmate: su tutte Aria e Oblivious. A seguire Natsu no ringo per i suoi sentori quasi folk/medievali, Fairytale per l’intro della bella voce di Wakana, accompagnata in sottofondo dalle voci di Keiko e Hikaru con un bel effetto polifonico, la rockeggiante Mata kazega tsuyoku natta, Serenato, splendida nel ritornello, la melanconica Ashita no keshiki. Ma anche le altre non elencate meritano un plauso. Un magnifico album, epico in alcune parti, di un gruppo che ho apprezzato al primo ascolto. Un bel 10 pieno. Un plauso anche alla recensione.
2013-10-19 17:20:39
 
Aggiungi Un'Opinione
Articoli con riferimento a 'Kalafina'
THE WINNER OF NA'15
Ecco i sedici vincitori dei NOISE AWARDS 2015 votati dai fan.
Pubblicato il 07⁄02⁄2016 | Scritto da Bobby Drake
Articoli con riferimento a 'Kalafina'
Weekly Chart 14-20
Classifica settimanale, dal 14 al 20 settembre 2015, dei 5 singoli e dei 5 album più venduti in Giappone.
Pubblicato il 27⁄09⁄2015 | Scritto da Bobby Drake
Artisti Correlati
Yuki Kajiura
Carriera di Yuki Kajiura
Vai alla Scheda
04⁄02⁄2017
Ultima News
Svelato il nuovo OST di ''Sword Art Online''
FictionJunction
Primo Gruppo di Yuki, WAKANA e KEIKO
Vai alla Scheda
10⁄05⁄2015
Ultima News
Cover di ''FJ 2010-2013 The BEST of Yuki Kajiura LIVE 2''
Itokubo
Ex gruppo di Keiko
Vai alla Scheda
Ultima News
Nessuna News Presente
See-Saw
Gruppo di Yuki Kajiura
Vai alla Scheda
02⁄07⁄2013
Ultima News
''Kimi wa Boku ni Niteiru ~ReMix2013'' in arrivo
KAiiDA
Collaboratrice
Vai alla Scheda
Ultima News
Nessuna News Presente
Artisti Simili
Vai alla Scheda
19⁄07⁄2008
Ultima News
Remix di 'Nazareé' e 'HORIZON' sul MySpace
ELISA
Pop
Vai alla Scheda
14⁄11⁄2016
Ultima News
'GENETICA' è il nuovo album
HIMEKA
Pop
Vai alla Scheda
13⁄04⁄2015
Ultima News
Unit con Kotera Kanako: HIMExKANA
KOKIA
Pop
Vai alla Scheda
02⁄08⁄2016
Ultima News
Dettagli di ''Itsuwari no Sora no Saki ni Aru Mono''
Vai alla Scheda
20⁄04⁄2015
Ultima News
Covers di ''ONE DAY''
Vai alla Scheda
25⁄10⁄2015
Ultima News
Live DVD/Blu-ray nel 2016
Vai alla Scheda
29⁄12⁄2016
Ultima News
Tracce e preview del nuovo disco
Vai alla Scheda
16⁄02⁄2016
Ultima News
Nuovo concept album: ''caTra''
Kaori Oda
Pop
Vai alla Scheda
24⁄07⁄2017
Ultima News
Tredici tracce in 'Gift'
Vai alla Scheda
14⁄08⁄2013
Ultima News
Nuovo album a fine mese
Vai alla Scheda
11⁄06⁄2017
Ultima News
Tutto su ''LUNARIUM''
Vai alla Scheda
07⁄03⁄2014
Ultima News
Blu-ray dei concerti ''FictionJunction YUUKA 2days Special''
See-Saw
Pop
Vai alla Scheda
02⁄07⁄2013
Ultima News
''Kimi wa Boku ni Niteiru ~ReMix2013'' in arrivo
Home | News | Articoli | Recensioni | Uscite Del Mese | Classifiche | Cerca | Links | Redazione
Lista Artisti | Cerca | Statistiche | Random | J-MusicStore
Forum | Chat | Newsletter | GuestBook | RSS | Collabora
©2019 TOKYONOISE - Tutti i diritti riservati. Le immagini presenti in questo sito sono utilizzate solo per fini d'intrattenimento
e restano di proprietà dei rispettivi detentori dei diritti. Sito ottimizzato per Mozilla Firefox.




La pagina è stata generata in 0.44 secondi.