tokyonoise.it

Dal 2019 TokyoNoise.net si rinnova!
Rinasce a nuova vita il portale italiano sulla musica giapponese, online dal 2006.

La vecchia versione rimarrà online come database storico, ma vieni a trovarci su tokyonoise.it e seguici sui nostri account ufficiali di Facebook, Twitter e Instagram per non perderti tutte le news e gli articoli più importanti di ogni settimana.

Visita la nuova versionetokyonoise.it oppure Continua a navigare il database storico
FeedRSS
Forum
Best Tour ''Live Style 2006''
di Christi
Pubblicato il: 26⁄02⁄2007

Il 21 Febbraio del 2007 è uscito finalmente il DVD del tanto atteso tour di Namie Amuro, intitolato Best Tour ''Live Style 2006'''', contenente le performance dei successi della cantante. Lo stile nuovo (quello R&B ed Hip-Pop) è sicuramente predominante, e per chi è fans delle ultime canzoni di Namie, questo è Tour da non perdere.



Le date sono state numerose, e naturalmente sempre colme di fans ed ammiratori. Il concerto è sicuramente pieno di energia, forse anche più dei due concerti precedenti contenenti canzoni nel suo nuovo stile, cioè il ''So Crazy Tour'' e lo ''Space Of Hip-Pop''.



Si entra nell'atmosfera con la prima canzone: l'apertura del concerto è affidata a ''Violet Sauce'' dove troviamo Namie Amuro con un lungo vestito viola che fa riferimento naturalmente al titolo della traccia. La cantante accoglie il suo pubblico, per poi proseguire ed entrare nel vivo del live.



Si riprende dopo un cambio di abiti con ''Handle Me'', con un ritmo piuttosto leggero. Segue la prima canzone degli Suite Chic (gruppo ideato da Namie di cui lei è protagonista con altri famosi cantanti Urban) con ''Without Me''. È sicuramente piacevole sentire nuove canzoni live, e la cantante dimostra la sua sicurezza.



Il vero ritmo, a mio avviso, lo si coglie con ''Fish Feat. VERBAL & Arkitec'', dopo un altro cambio di vestiti. I due rapper purtroppo non sono presenti, ma il ballo e l'atmosfera ideata per questa canzoni cantata per la prima volta live, è davvero unica e travolgente.
Con ''A Walk In The Park'' il ballo rimane uno spettacolo: la coreografia è ben studiata e sicuramente accattivante. Un aspetto positivo in più è il coinvolgimento del pubblico, che, sentendo una delle canzoni di Namie col suo stile Pop, si accende e canta con lei.
Segue ''Say The Word'', sempre piacevole live, anche se ha meno energia delle canzoni precedenti.
Arriviamo a ''Put 'Em Up'', una delle canzoni protagoniste del nuovo stile della cantante. L'energia è stata grande, così come lo sforzo: a questa traccia Namie, forse stanca, non ci regala il meglio di se stessa. A mio parere, nel ''So Crazy Tour'' la canzone uscì molto meglio.
Si continua sullo stesso stile con ''Alarm''. Ci si riprende leggermente grazie anche al ballo piacevole da seguire.



Le seguenti sono sicuramente le parti più belle ed originali di tutto il live. Dopo un altro cambio di vestiti, arriviamo a ''No More Cry'' dopo una piccola introduzione con gli strumenti. Ritroviamo una Namie sorridente, allegra e felice, che canta passeggiando lungo tutto il palco e salutando i suoi fans.
Segue ''Strobe'' altra rivelazione del Tour poiché esibita per la prima volta live: il balletto è fresco e si addice alla canzone.
Una delle star è sicuramente ''Exist For You'' che molti aspettavano ansiosamente: altra traccia per la prima volta live (e per giunta è una B-Side), ''Exist For You'' è accompagnata da un calo di luci molto suggestivo, e da un ballo dolce e morbido. La voce di Namie è sicuramente una soddisfazione: non ci si poteva aspettare di meglio.
La situazione di ''Four Seasons'', theme song del primo movie di Inuyasha, è molto simile a quella di ''Strobe'' ed ''Exist For You''. La melodia dolce e malinconica allo stesso tempo, viene accompagnata nel finale con un cadere di foglie.



Si cambiano di nuovo vestiti e si entra nell'atmosfera di una dolce ballata: ''Ningyo''.
Segue ''Lovin' It Feat. VERBAL'', anche questa molto attesa. Di nuovo peccato per l'assenza del rapper, ma il PV trasmesso negli schermi giganti dietro di lei, aiuta sicuramente Namie che ci dimostra tutta la sua bravura canora.



Si ritorna in scena ancora in rosa ma questa volta con tanto di mini gonna e coroncina. ''Drive'' ricorda un po' ''No More Tears'' per il sorriso e la spensieratezza che la cantante ci dona.
''Girl Talk'' rimane su questo stile: piuttosto fresco ed allegro.
Si riprende un po' di ritmo con ''Can't Sleep, Can't Eat, I'm Sick'' dove ritroviamo il ballo protagonista del PV.
Segue una pausa, dove vengono presentati i vari strumenti ed i musicisti.



Le prossime performance ricordano quelle inziate con ''Fish'': Namie torna sul palco con un nuovo vestito e con una rigenerata forza. Riniziamo con ''Do Or Die'' prodotta da JHETT a.k.a. YAKKO FOR AQUARIUS.
Restando in tema di collaborazione ritroviamo gli Suite Chic con ''Uh Uh.. Feat. AI''. Si riprendono sbarre e piani, strumenti di supporto per la danza tipici del live di questa canzone nei concerti.
''How To Be A Girl'' è una delle tracce dello stile passato di Namie Amuro, e anche qui il pubblico si accende e partecipa volentieri alla splendida canzone grazie ad una rinnovata fiamma di energia.
Ci si perde di nuovo un po' con ''WANT ME, WANT ME'', che ricorda il momento precedente di stanchezza di ''Put' Em Up''.
''Shine More'' non si smentisce e ritroviamo una Namie piena d'energia e carica: il pubblico la acclama e partecipa vivamente.
Segue ''the SPEED STAR'' la cui coreografia è sicuramente emozionante: le due sbarre fra il pubblico, dove Namie e i suoi ballerini si esibiscono, danno una carica unica e confermano il successo della canzone.



Ultimo cambio di vestiti e si ritorna in scena con ''Body Feels EXIT'', altro successo della cantante, che infiamma il pubblico.
L'energia non scende, anzi aumenta ulteriormente con ''Chase The Chance'' che è sicuramente una delle canzoni meglio riuscite di questo live: il pubblico canta con Namie e lei interagisce con i suoi fans. La melodia e la voce della cantante sono un'esplosione di carica che porta al lancio finale di luccicanti decorazioni.
Si arriva alla fine con ''Can't Sleep, Can't Eat, I'm Sick (Remix)'' dove vengono presentati i ballerini, che sicuramente sono stati eccellenti.

Questo live ha poche pecche, ma comunque ne ha: Namie non parla mai col pubblico se non per alcune parole ad inizio canzone. Non sono state incluse nel Tour d'ordine le performance di ''You're My Sunshine'', ''GO! GO!'', ''Can You Celebrate'' e ''NEVER END'' dell'ultima data svoltasi ad Okinawa, dove la cantante si lasciò andare alle lacrime durante il live dell'ultima canzone citata. Essendo poi un Best Tour e contenendo molte canzoni inedite presentate per la prima volta sul palco, si poteva includere la bella ''Come'', ending dell'Anime Inuyasha. Mancano sicuramente canzoni eccellenti come ''Indy Lady'' (già che c'erano numerose collaborazioni), ''Namie's Style'', ''No'' e ''WoWa'', perfetta live.
Anche se con qualche mancanza, questo è sicuramente uno dei migliori Tour di Namie, se non addirittura il migliore in assoluto.

Ordina/Compra






Namie Amuro
Nessun Commento all'aticolo ''Best Tour ''Live Style 2006''''. Aggiungine Uno!
Home | News | Articoli | Recensioni | Uscite Del Mese | Classifiche | Cerca | Links | Redazione
Lista Artisti | Cerca | Statistiche | Random | J-MusicStore
Forum | Chat | Newsletter | GuestBook | RSS | Collabora
©2019 TOKYONOISE - Tutti i diritti riservati. Le immagini presenti in questo sito sono utilizzate solo per fini d'intrattenimento
e restano di proprietà dei rispettivi detentori dei diritti. Sito ottimizzato per Mozilla Firefox.




La pagina è stata generata in 0.03 secondi.